SABATO 25 NOVEMBRE 2017 21^ GIORNATA NAZIONALE DELLA Colletta Alimentare

Sabato 25 novembre presso i supermarket della VALTARO si terra’ la Colletta Alimentare 2017, se vuoi partecipare come volontario contatta il numero locale cell. +393341443605 e dai la tua disponibilita’, ti segnaleremo il periodo e il market piu’ vicino a te.

ACCANTO ALLA OPEROSA ATTIVITÀ QUOTIDIANA DI RECUPERO DI ECCEDENZE ALIMENTARI DA DESTINARE AI PIÙ POVERI DEL NOSTRO PAESE, FONDAZIONE BANCO ALIMENTARE ONLUS ORGANIZZA OGNI ANNO, L´ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE, LA GIORNATA NAZIONALE DELLA COLLETTA ALIMENTARE. ORMAI GIUNTA ALLA 21^ EDIZIONE, LA GIORNATA NAZIONALE DELLA COLLETTA ALIMENTARE È DIVENTATA UN IMPORTANTISSIMO MOMENTO DI COINVOLGIMENTO E SENSIBILIZZAZIONE DELLA SOCIETÀ CIVILE AL PROBLEMA DELLA POVERTÀ ALIMENTARE ATTRAVERSO L’INVITO A UN GESTO CONCRETO DI GRATUITÀ E DI CONDIVISIONE: DONARE LA SPESA A CHI È POVERO. DURANTE QUESTA GIORNATA, PRESSO UNA FITTISSIMA RETE DI SUPERMERCATI ADERENTI SU TUTTO IL TERRITORIO NAZIONALE, CIASCUNO PUÒ DONARE PARTE DELLA PROPRIA SPESA PER RISPONDERE AL BISOGNO DI QUANTI VIVONO NELLA POVERTÀ. È UN GRANDE SPETTACOLO DI CARITÀ: L’ESPERIENZA DEL DONO ECCEDE OGNI ASPETTATIVA GENERANDO UNA SOVRABBONDANTE SOLIDARIETÀ UMANA.

MANIFESTO COLLETTA ALIMENTARE A4

Giornata dei poveri promossa dalla Caritas parrocchiale

Il 19 novembre e’ la Giornata mondiale dei poveri promossa da Papa Francesco e riproposta a Borgotaro dalla Caritas e dalla Parrocchia di san Antonino in collaborazione con Gruppo volontariato Vincenziano, Emporio solidale e Avis. Un momento di riflessione sulla poverta’, cioe’ sulla mancanza di risorse materiali, fisiche, psicologiche o spirituali che ci accumuna tutti, un impegno per ognuno di noi . La poverta’ non deve dare scandalo poiche’ e’ il prodotto dei comportamenti dell’uomo, e’ la naturale ingiustizia aggravata dalla Nostra incapacita’ di donare.

VOLANTINO INIZIATIVA (.pdf)

dal MESSAGGIO DEL SANTO PADRE FRANCESCO I GIORNATA MONDIALE DEI POVERI Domenica XXXIII del Tempo Ordinario 19 novembre 2017
Non amiamo a parole ma con i fatti

“Non pensiamo ai poveri solo come destinatari di una buona pratica di volontariato da fare una volta alla settimana, o tanto meno di gesti estemporanei di buona volontà per mettere in pace la coscienza. Queste esperienze, pur valide e utili a sensibilizzare alle necessità di tanti fratelli e alle ingiustizie che spesso ne sono causa, dovrebbero introdurre ad un vero incontro con i poveri e dare luogo ad una condivisione che diventi stile di vita..

…Conosciamo la grande difficoltà che emerge nel mondo contemporaneo di poter identificare in maniera chiara la povertà. Eppure, essa ci interpella ogni giorno con i suoi mille volti segnati dal dolore, dall’emarginazione, dal sopruso, dalla violenza, dalle torture e dalla prigionia, dalla guerra, dalla privazione della libertà e della dignità, dall’ignoranza e dall’analfabetismo, dall’emergenza sanitaria e dalla mancanza di lavoro, dalle tratte e dalle schiavitù, dall’esilio e dalla miseria, dalla migrazione forzata. La povertà ha il volto di donne, di uomini e di bambini sfruttati per vili interessi, calpestati dalle logiche perverse del potere e del denaro. Quale elenco impietoso e mai completo si è costretti a comporre dinanzi alla povertà frutto dell’ingiustizia sociale, della miseria morale, dell’avidità di pochi e dell’indifferenza generalizzata!”

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE FRANCESCO I GIORNATA MONDIALE DEI POVERI

In Italia un bambino su 8 in povertà assoluta

Secondo i dati Istat sale a un milione e 292mila il numero dei minori poveri, segnando un +14% rispetto all’anno precedente. Per Raffaella Milano «una vera emergenza». Quadruplicate le famiglie con figli minori in povertà assolutaSono sempre di più i bambini in povertà assoluta. Un dato impressionante che Raffaela Milano, direttrice dei Programmi Italia-Europa di Save the Children, commentando il rapporto sulla povertà in Italia nel 2016 diffuso oggi da Istat definisce un’emergenza. «I dati lo confermano: la povertà dei bambini è una vera emergenza e come tale va affrontata, con interventi diretti, coraggiosi e urgenti».Secondo l’Istat infatti, sono saliti a 1 milione e 292mila i bambini che vivono in condizione di povertà assoluta, pari a 1 minore su 8. Sono 161mila in più (+14%) rispetto all’anno precedente.

Aumenta anche l’incidenza del numero dei minori in povertà assoluta sul totale della popolazione che versa in stato di indigenza, passando dal 10,9% del 2015 al 12,5% del 2016.Anche le famiglie con figli minori in povertà assoluta sono quadruplicate: la loro incidenza sul totale delle persone colpite da povertà assoluta è passata, dal 2007 al 2016, dal 2,4% al 9,9%. Il peggioramento della situazione economica colpisce in maniera più estesa anche i minori che sono in povertà relativa: sono 2 milioni e 297 mila nel 2016 e rappresentano il 22,3% della popolazione in questa condizione (nel 2015 erano il 20,2%).

Purtroppo i dati ci dicono che sono tantissime le famiglie che non possono neppure offrire ai propri figli pasti adeguati. Ecco perché tra le misure più urgenti per supportare questi bambini in condizioni di grave indigenza, per esempio è necessario che prima dell’inizio del nuovo anno scolastico venga garantito in tutta Italia il diritto alla mensa scolastica gratuita»

Sorgente: In Italia un bambino su 8 in povertà assoluta – Vita.it