Il diritto al lavoro e le opportunita’ della legge regionale 14/2015

Spread the love

La legge regionale 14 e’ stata approvata nel 2015, ma solo oggi sta’ entrando in fase attuativa. Nella gazzetta ufficiale regionale viene definita come “DISCIPLINA A SOSTEGNO DELL’INSERIMENTO LAVORATIVO E DELL’INCLUSIONE SOCIALE DELLE PERSONE IN CONDIZIONE DI FRAGILITÀ E VULNERABILITÀ, ATTRAVERSO L’INTEGRAZIONE TRA I SERVIZI PUBBLICI DEL LAVORO, SOCIALI E SANITARI”.

Il diritto al lavoro e’ sempre stato un diritto fragile, non ha mai visto una sua completa attuazione, se pur con importanti differenze territoriali. Dal 2008 la crisi economica ha esasperato questa fragilita’, trasformandolo in un miraggio per molti e motivo di una reale preoccupazione generazionale per il futuro. Colpiti maggiormente sono le giovani generazioni e le fasce deboli, strette in un mercato del lavoro precario e spesso irrispettoso dei legittimi diritti delle persone fragili. Oggi in una diffusa precarieta’, le aziende che possono offrire lavoro giocano spesso la loro posizione di dominanza. Risultato una situazione di  ulteriore condizione lavorativa segnata da percorsi professionali discontinui e non-professionalizzanti.
La formazione, oggi, e’ l’unica risorsa che la persona puo’ spendere nel mercato del lavoro,  salvando un ruolo di contrattazione tra chi offre e chi richiede lavoro.  Il bisogno maggiore di sostegno all’occupabilita’ e’ presente tra le fasce deboli (coloro che hanno problemi sanitari o sociali e quindi sono in carico ad un Servizio) e le nuove generazioni, soprattutto nei casi in cui i curriculum formativi sono discontinui, frammentati o in campi  che risultano di difficile occupabilita’ poiche’ settori colpiti dalla crisi (edilizia e settori connessi).

Per un intervento in questo delicato settore la regione ha agito un generale riordino della formazione e del sistema dei Tirocini Formativi, strumento importante per far incontrare offerta lavorativa e fasce deboli. La legge 14 in attuazione ha ambiziosi obiettivi che vanno dal:

  • profilare le persone in modo da spendere le risorse in modo efficace,
  • costruire progetti formativi e di sostegno per ricollocare i lavoratori presso le attivita’ oggi in ripresa.

Quindi non solo interventi SPOT di sostegno momentaneo, ma progetti integrati con una presa in carico. La presa in carico unitaria viene realizzata da una Equipe multiprofessionale dove è sempre presente un operatore del centro per l’impiego; sono inoltre presenti un operatore dei servizi sociali nonché dei servizi sanitari, anche cumulativamente, in relazione alle problematiche concernenti la persona.

Parte Oggi la possibilita’ per chi e’ nelle FASCE DEBOLI (non necessariamente con invalidita’ riconosciuta, ma anche solo in carico ad un servizio sociale o sanitario) di accedere a Tirocini Formativi e a progetti integrati di sostegno all’occupazione. Chi si riconosce in tale fasce deve rivolgersi all’operatore Sociale o Sanitario di riferimento ( Assistente sociale, Educatore professionale, Orientatore dell’uffici di collocamento, Uffici servizi sociali comunali) per chiedere informazioni sulla possibilita’ fornite dalla legge, su cui la regione ha investito ingenti risorse.

Per ulteriori informazioni: CENTRO PER L’IMPIEGO di Borgo val di Taro Via Alberto Zanrè, 2, 43043 Borgo Val di Taro (PR) tel. 0525 96209

SLIDE SULLA LEGGE Regionale 14/2015

PORTALE REGIONALE FORMAZIONE E LAVORO

Print Friendly, PDF & Email
Translate »